Cone Beam

L’Odontoiatria moderna si avvale della “diagnostica per immagini”  e delle indagini radiografiche in particolare come complemento importante alla formulazione di una diagnosi.

Per molti pazienti in cura è spesso necessaria una indagine rx e per questo prescriviamo una Radiografia OPT cosiddetta “panoramica” o in casi selezionati una CT Dentalscan (Cone Beam). 

Quale differenza c’è tra una panoramica e una Cone Beam ? 

Esame radiografico di primo livello

Cone Beam

La panoramica è un esame radiografico di primo livello molto importante e vantaggioso perché ci permette di avere, con poca esposizione rx ,cioè con pochi “raggi”, un’idea generale di quello che è la bocca del paziente.
Ci consente cioè la valutazione di un’immagine radiografica  bidimensionale dell’area orale.

Quando però è necessario valutare in modo più accurato o pianificare interventi chirurgici, la valutazione bidimensionale diventa insufficiente e per questo diventa necessario un esame di secondo livello,  questa volta non bidimensionale ma volumetrico, definito Cone Beam (CBCT)

Questo tipo di esame infatti, rispetto alla “Panoramica” che vediamo come una foto interna, ci consente una navigazione tridimensionale dell’area scansionata. Abbiamo così la possibilità di ispezionare i tessuti duri, millimetro dopo millimetro, nei tre piani dello spazio potendone misurare l’altezza, lo spessore e la densità.

Con queste informazioni e con i relativi dati digitali a nostra disposizione, possiamo quindi pianificare e progettare con accuratezza gli interventi chirurgici, scegliere in anticipo la misura degli  impianti che dovremo  utilizzare , progettare con una precisione impossibile fino a poco tempo fa, sistemi di chirurgia Implantare automatica  guidata. 

Infatti possiamo inserire gli impianti in maniera totalmente guidata, senza taglio della gengiva e in modo innocuo. 

Le radiazioni ricevute da questo esame sono maggiori rispetto a una tac tradizionale?

La Cone Beam è una tecnologia che nasce per ottenere le informazioni necessarie ad una corretta diagnosi con una quantità di radiazioni  di circa otto volte inferiori ad un sistema tac tradizionale. Inoltre  La macchina di cui disponiamo è una macchina recentissima , totalmente digitale in grado di restituirci immagini  dettagliate e tridimensionali con una quantità di radiazioni di poco superiori  ad una panoramica tradizionale.  

In quali casi è richiesto?

Sicuramente in casi in cui il paziente deve mettere un impianto, o prima di estrarre un dente del giudizio vicino al nervo mandibolare, quando questo intervento necessita di maggiori dettagli.

 

È inoltre possibile realizzare una Cone Beam anche solamente su un settore particolare che ci interessa esaminare, evitando così di irradiare tutta la bocca.

Quanto tempo ci vuole per un esame Cone Beam?

Meno di un minuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WhatsApp chat